Palestina per principianti

febbraio 4, 2013 § Lascia un commento

 celeste grossi

éUna lettura “leggera”, ma per nulla superficiale (e per questo molto adatta alle classi di scuole medie e superiori) del dramma determinato dall’occupazione israeliana dei territori palestinesi.

«Zimmy ama fare due cose nella vita: suonare il basso con la sua band, i Lou del Bello’s, e starsene nella sua amata città, Bologna. Questa volta, però, i suoi compagni di gruppo gli tirano un colpo basso: organizzano un viaggio per andare a insegnare musica a dei bambini di un campo profughi palestinese. Può tirarsi indietro Zimmy? Ovviamente no: parte e si porta dietro il suo amico cuoco Berna. In Palestina Zimmy non si trova poi troppo male, e anzi si affeziona subito a una famiglia, gli Al Azzeh: Mohanned, sua sorella Mirna e la nonna Um Yunis. Mentre Berna si aggira per mercati di ogni genere alla scoperta dei sapori palestinesi, Zimmy non riesce a farsi una ragione del fatto che gli Al Azzeh non possano più tornare nel loro villaggio d’origine, Bejit Jibrin, da cui sono stati cacciati nel 1948. E così decide di andarci lui stesso, mollando anche i compagni della sua band…». Così è presentato Palestina per principianti Educazione sentimentale di un bassista rockabilly. Il film[1] narra il viaggio dei Lou del Bello’s una band bolognese che decide di andare a realizzare un laboratorio musicale con i bambini di un campo profughi di Beit Jibrin, vicino a Betlemme. È la passione per la musica quella che spinge Zimmy (Simone Martini), bassista rockabilly il protagonista a lasciare l’amata Bologna per approdare in un campo profughi a Betlemme, in Palestina. Il film distribuito da Mammut Film, in 60 minuti racconta il viaggio di Zimmy che, «qualche giorno dopo il suo arrivo, abbandona il suo basso dentro una tenda per fare tutt’altro. A catturare la sua curiosità sono i racconti degli Al-Azzeh, una famiglia di profughi, cacciata dal suo villaggio di origine nel ’48. Da quell’anno Um Yunis, la nonna, non riesce a far ritorno in quella terra che continua a descrivere ai nipoti Mohammed e Mirna. Sono proprio loro a parlarne a Zimmy che decide di andar da solo in quel luogo interdetto ai nuovi amici. Mentre il suo compagno di viaggio Berna, interpretato da Bernardo Bolognesi, si perde tra i sapori del mercato di Betlemme, Zimmy si incammina verso il villaggio di origine degli Al-Azzeh».

«Non serve conoscere l’intricata storia della guerra che si combatte su questa terra per capire il film. Noi stessi eravamo quasi a digiuno da tutte le diatribe interne. Per questo abbiamo deciso di chiamarlo Palestina per principianti − dice il regista Francesco Merini −. Non abbiamo puntato i riflettori sulla questione della guerra, ma abbiamo cercato di raccontare la dimensione umana della Palestina che abbiamo conosciuto».

Il film ha debuttato il 16 settembre 2012, al festival di Cortona, diretto da Luca Zingaretti. Da allora si sono susseguite proiezioni e dibattiti in scuole, cineteche, festival di cinema indipendente. E sono previste anche presentazioni in Palestina.

Nota

Il film, scritto da Jacopo Bonvicini, Emilio Distretti, Francesco Merini e diretto da Francesco Merini è stato prodotto dai Lou del Bello’s, in collaborazione con Cicco Corporation, Mammut Film che ne cura la distribuzione.


[1]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Palestina per principianti su Facciamo pace.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: